I GUARDIANI DELLA GALASSIA – VOLUME 2 (FILM, 2017) RECENSIONE

VOTO 85% 🙂

Marvel e Disney si rivelano ancora una volta una combo vincente, creando un cocktail esplosivo di 136 minuti facili da digerire a grandi sorsi di comicitĂ , azione, effetti speciali grandiosi e buoni sentimenti in chiusura.
James Gunn dirige i ben noti protagonisti del primo film in questo spettacolare sequel che non ha nulla da invidiare al primo episodio della saga. Chris Pratt (Jurassic World, Passengers) veste nuovamente i panni dell’ironico, irriverente e affascinante Star Lord, alias il terrestre Peter Quill, che da sempre si interroga sull’identità del padre mai conosciuto. Inseguiti da alieni irascibili, tra ammutinamenti imprevisti, parenti scomodi che tornano alla carica, nemici-amici e amici-nemici, lo scanzonato gruppo di improbabili eroi attraversa la galassia per scoprire la verità sulle origini di Peter, cercando nel frattempo di restare in vita. Impresa non facile dato il dispiegamento di forze nemiche che, in un tripudio sconcertante di effetti speciali, attacca i protagonisti su più fronti esibendosi in danze mortali di laser ed esplosioni.

La trama, ben strutturata, si svincola dalla superficialità a cui ci hanno tristemente abituato ultimamente i film d’azione che, puntando sulla spettacolarità, spostano in secondo piano storia, sentimenti e relazioni tra i personaggi. Qui la trama c’è e, seppure pervasa da un insolito buonismo finale, chiude perfettamente il cerchio ponendo fine ad annose questioni tra i personaggi, scaldandoci il cuore. Abbracci e pacche sulle spalle a parte, la marca distintiva del film è senza dubbio l’ironia. L’alchimia perfetta tra personaggi così eterogenei genera una potente miscela di battute, paradossi, siparietti comici, sapientemente orchestrati da inquadrature esilaranti, e provoca sonore risate perfettamente udibili in sala. La vera forza del film sono proprio i protagonisti che, con la loro atipicità e singolarità, coinvolgono facilmente il pubblico lasciandolo immergere velocemente nel ritmo serrato della narrazione. Zoe Saldana (Avatar, Star Trek) interpreta una convincente e più umana Gamora, affiancata da un Drax (Dave Bautista) più fuori luogo e comico che mai. Mentre un abile Christian Iansante presta la sua voce al procione spaziale Rocket (che nella versione originale è doppiato dall’attore Bradley Cooper), è il piccolo Groot (doppiato in italiano da Massimo Corvo e in inglese dall’attore Vin Diesel) a rubare letteralmente la scena in più occasioni regalandoci momenti di simpatica tenerezza e grande comicità. A completare il quadro, due nomi importanti figurano nel cast: Kurt Russell e Sylvester Stallone, veterani del cinema di Hollywood, molto azzeccati nei ruoli interpretati.
Il comparto audio si sposa perfettamente con la controparte visiva creando antitesi divertenti tra melodie gioiose e scene di distruzione, fuoco, fiamme e mostri alieni che minacciano la vita dei protagonisti, oppure seguendo ed enfatizzando i contenuti delle sequenze narrative. Come nel primo film Quill ascoltava ripetutamente l’audiocassetta regalatagli dalla madre, “The Awesome Mix Vol.1”, qui è “The Awesome Mix Vol.2” a condurci nel cuore dell’azione, con le sue musiche anni ’70 che aggiungono quel tocco di classe vintage, ironico e inconfondibile alla pellicola.
Riassumendo, si tratta di un sequel degno del primo film: scanzonato, divertente, epico, emozionante, a tratti irriverente e addirittura commovente. Ottime le interpretazioni, grandiosi gli effetti speciali, meravigliosa la scenografia. Gli appassionati del genere ameranno calarsi per la seconda volta nell’universo difeso dai Guardiani della Galassia, in attesa del terzo film annunciato da Gunn e anticipato nelle scene finali dei titoli di coda.
O almeno, questa è la nostra opinione.

By Emanuela Catarra

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 85 PERSONE

I commenti sono chiusi.