IPAD AIR 2 (TABLET, 2014) RECENSIONE

VALUTAZIONE 88%

Se a Settembre Apple ha giocato d’attacco con la presentazione dei nuovi iPhone 6 (che hanno giá polverizzato tutti i record di vendita) e l’annuncio del l’attesissimo Apple Watch, in pochi credevano in un nuovo evento giá ad Ottobre. Ma così é stato.
Cupertino pochi giorni fa ha rilasciato 3 nuovissimi prodotti destinati al successo mondiale: il ‘mostruoso’ iMac 5K, l’iPad Mini di terza generazione e lo spettacolare iPad Air 2.
Probabilmente in altre occasione parleremo degli altri dispositivi, ma in questo caso vogliamo dire due parole sul tablet a 10 pollici più famoso e apprezzato al mondo.
Forse è banale dirlo ma Apple, se in qualche modo può aver perso terreno sui concorrenti nel segmento smartwatch, oggi a livello tecnico può vantare ancora un grande vantaggio cospicuo nel comparto tablet.
iPad Air era già forse il massimo. Un’oggetto impalpabile, sottile, dalla grafica sopraffina, velocissimo ed esteticamente impareggiabile.

Ora potremmo fare infinite disquisizioni sui semplici requisiti hardware. Ram, densità di pixels del display, processore, ecc. Ma l’iPad è altro, è un esperienza.
Tutti progettano i tablet noncuranti dello spessore e del peso, e solo marginalmente danno al design un valore importante. iPad mette al primo posto questi fattori.

Clicca qui MI PIACE su Facebook e qui un SEGUIMI su TWITTER per Recensioniamo.
Te ne siamo grati. Davvero.

ipad-air2-overview-bb-201410_GEO_IT

iPad Air 2 ha estremizzato questi aspetti aggiungendone altri. E’ arrivato il riconoscimento dell’impronta digitale. E’ arrivata una fotocamera con requisiti qualitativi superiori. E’ arrivato il barometro.
E’ arrivato un processore più potente.
E iOS 8, il motore pulsante dei dispositivi mobili Apple, esalta questo  prodotto, già entusiasmante di per se entusiasmante.
Come al solito la nostra recensione è poco tecnica e molto emozionale.
Ma mai come in questo caso ci sentiamo in dovere di dire a chiunque di provare a utilizzare un iPad Air 2 e un prodotto concorrente.
Le conclusioni che trarrete sono fin troppo ovvie.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 688 PERSONE

I commenti sono chiusi.