PEBBLE (SMARTWATCH, 2013) RECENSIONE

Clicca qui MI PIACE su Facebook e qui un SEGUIMI su TWITTER per Recensioniamo.
Te ne siamo grati. Davvero.

VOTO 7 – Abbiamo già parlato diffusamente di smartwatch su questo blog. Segnalando il fatto che nonostante

i numerosi annunci, i prodotti di questo tipo attualmente in commercio non sono moltissimi.

Ad esclusione di Sony, nessuna delle aziende di punta ha ancora messo in commercio la propria versione di orologio da polso elettronico.
Nel vuoto di mercato venutosi ha creare si è inserito il dispositivo di cui andiamo a parlarvi oggi, l’interessante Pebble. Di cosa si tratta?

Peeble è nato dall’intraprendenza di giovani imprenditori che si sono gettati nell’entusiasmante avventura del crowdfunding. Tramite la piattaforma ‘Kickstarter’, il progetto di Peeble è stato sostenuto da ben 85.000 persone che con il proprio contributo in denaro ne hanno reso possibile la realizzazione.
Parliamo di un orologio tecnologico senza particolari pretese, che comunque offre una buona capacità di interfaccia con gli smartphone più comuni.
Il design è azzeccato, non particolarmente innovativo ma piacevole alla vista. Il cinturino e la scocca sono in plastica. Disponibile in diverse colorazioni, resistente all’acqua fino a 50 metri di profondità.
La tecnologia adottata è quella dell’inchiostro elettronico. Niente schermi touch ad alta definizione, solo un ampio display in bianco e nero dal contrasto elevato, assolutamente adatto a questo tipo di strumento.
Peeble anzitutto mosterà l’ora come un comunissimo orologio da polso. Vi sarà comunque possibile personalizzare la visualizzazione (analogica o digitale).
Peeble tramite la tecnologia Bluetooth dialogherà con il vostro cellulare (sia iOS che Android), e permetterà il controllo di funzioni semplici come la lettura di e-mail e notifiche o la gestione della libreria musicale.
Peeble a vostro piacimento si trasformerà in un pratico lettore dei vostri dati di allenamento, sia per il footing che per i percorsi in bicicletta. Ottima la capacità di ricarica della batteria che con un utilizzo medio consente un’autonomia di un’intera settimana.
Il prezzo di 150 dollari è attualmente il più basso sul mercato.
I primi dati di vendita parlano già di più di 250.000 unità vendute.
Un meritato successo per un prodotto nato dalla passione e dall’intraprendenza.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 2488 PERSONE

I commenti sono chiusi.