THE WALKING DEAD – QUINTA STAGIONE (SERIE TV) RECENSIONE

Clicca qui MI PIACE su Facebook e qui un SEGUIMI su TWITTER per Recensioniamo.
Te ne siamo grati. Davvero.

VOTO 75%

Avevamo un dubbio legittimo. La serie tv più bella di sempre, nel bene e nel male, dopo 5 anni di messa in onda poteva accusare un momento di stanchezza.
Stessi scenari, personaggi con scarso ricambio, zombie a vagonate puntata dopo puntata.
Una sensazione in parte confermata.
Perché dopo le 2 roboanti stagioni d’esordio, la trama ha iniziato ad annacquarsi e complicarsi, pochi colpi di scena. E la lunga attesa di una vera svolta che non è mai stata del tutto ripagata.

Detto questo però, non possiamo smettere di riconoscere il valore di ‘The Walking Dead’ per quello che è.
Un telefilm che in ogni caso ha fatto epoca, sdoganando l’horror in fascia protetta. Un vero capolavoro.
Oggi, passato un lustro con record di ascolti in tutto il mondo, ritroviamo Rick Grames e il suo folto gruppo di sopravvissuti nuovamente alle prese con una lunga marcia per le terre desolate della provincia americana, devastata dall’apocalisse zombie. Come sempre del resto.
La compagine si è finalmente ricomposta, dopo aver affrontato i fanatici di Terminus.

2-the-walking-dead-season-5-promo-walking-dead-season-5-premiere-recap-5-things-you-might-have-missed

Carol ha potuto riabbracciare l’amato Daryl. Lo stesso Rick con il figlio Carl ha riavuto la figlia Judith, che riteneva ormai persa per sempre.
Ma oggi, dopo la seconda puntata, lo scenario cambia nuovamente. Il gruppo incontra un sacerdote stranamente sfuggito all’apocalisse dei morti viventi. E a sconvolgere nuovamente la situazione è la minaccia umana più insidiosa di quella zombie. Un gruppo dedito al cannibalismo è pronto a scagliarsi con veemenza contro i protagonisti. Archiviato il Governatore arriva un problema più grande.
E volente o nolente, ‘The Walking Dead’ ritorna a coinvolgerci. Dopo 5 lunghi anni (un’eternità nel mondo delle serie tv).
Forse tutto dipende dalla nostra morbosità di sapere come andrà a finire il tutto. Vagamente nelle ultime puntate si fa l’accenno a Washington, apparentemente identificata come zona ‘pulita’ in cui l’umanità ha trovato un rifugio sicuro dagli infetti. Un finale che sembra comunque lontano, dopo il recente rinnovo per la stagione numero 6.
Comunque il rischio è grosso. Forse tutti rimarremo delusi. Forse il finale di serie sarà il più banale della storia.
Ma nonostante tutto ‘The Walking Dead’, per quanto abbia smesso di spaventarci come agli inizi, ancora ci affascina moltissimo.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 791 PERSONE

I commenti sono chiusi.