UNDER THE DOME (SERIE TV, 2013) ANTICIPAZIONI



Recensioniamo Il Blog delle recensioni


Stephen King, il maestro assoluto della letteratura horror, da anni strizza l’occhio al grande e al piccolo schermo. Dai

suoi libri sono stati tratti film famosi ed apprezzati. ‘Il miglio verde’, ‘Le ali della libertà’ e ‘Shining’, sono addirittura

entrati a far parte della storia del cinema.
Ma anche la televisione ha pescato ampiamente dalla bibliografia di King.

Pensiamo ad esempio alla mini-serie ‘L’ombra dello scorpione’.
‘La zona morta’ è diventata una serie con alterno gradimento, andata comunque in onda per diversi anni.
Poi è stata la volta di ‘Haven’, tratta da ‘Colorado Kid’, attualmente ancora in onda.
Oggi è la volta di una serie tv che prende spunto da uno degli ultimi successi di Stephen King, ovvero ‘Under The Dome’, in un progetto che ha coinvolto nella produzione un altro famoso Steven, il pluripremiato regista Spielberg.
Dal 24 Giugno il pubblico americano potrà assistere in anteprima alla prima puntata.
Ma di cosa parla precisamente ‘Under The Dome’? Solo chi ha letto il libro ne è a conoscenza.
Lo dice la parola stessa: sotto la cupola.
Immaginate una cittadina del Maine, non molto grande. Uno di quei luoghi dove vivono contemporaneamente molte realtà. La scuola locale, il fast food locale, la concessionaria di auto, il distributore di benzina.
Immaginate che d’improvviso un campo di forza circondi la città e la renda impenetrabile sia dall’interno che dall’esterno. Immaginate che migliaia di persone rimangano imprigionate in quel luogo. Immaginate che nemmeno l’esercito sappia sia in grado di scalfire questa cupola trasparente, nemmeno con le sue armi più potenti.
Una serie che che sconfina nel soprannaturale ma soprattuto si concentra sulle oscure storie di vita degli abitanti.
Da qualche settimana abbiamo la certezza di vedere il telefilm anche sugli schermi italiani su Rai Due, in una messa in onda ritardata di qualche giorno, probabilmente la domenica sera.
Aspettiamo con un certo interesse quel momento.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 1397 PERSONE

I commenti sono chiusi.