VINYL (SERIE TV, 2016) RECENSIONE

VOTAZIONE 67%

E’ iniziata pochi giorni fa questa nuova serie, un progetto interessante che vede in primis il coinvolgimento di due nomi altisonanti del mondo della musica e del cinema.
I produttori della serie sono infatti nientemeno che Mick Jagger, leader dei Rolling Stones e Martin Scorsese, pluripremiato regista italo-americano.
La trama di questo prodotto, intitolato Vinyl, è particolarmente contestualizzata.
Siamo nella New York anni 70, nel pieno della rivoluzione musicale che vide esplodere il rock, il punk, la disco music e l’hip hop.
Il protagonista è l’italo-americano Richie Finestra, uno spietato eccentrico tossicomane, proprietario della casa discografica American Century Records.

original

Intorno a lui si affanna un mondo torbido, frenetico e corrotto fatto di musicisti, agenti, uomini d’affari, donne, denaro e droga. Una miscela ben rappresentata che funziona piuttosto bene.
La prima puntata ci ha soddisfatto, per quanto moderatamente al momento.
Abbiamo gustato una colonna sonora maestosa, che correda ogni singola scena del telefilm.
E’ molto credibile l’interpretazione del protagonista Bobby Cannavale.
Calzante anche il ruolo di James Jagger, figlio del mitico Mick nei panni di frontman di una band in crescente ascesa. Belle e capaci le attrici Juno Temple e Olivia Wilde.
Vinyl sarà solo una bella novità potenziale o manterrà le aspettative?
Solo il tempo ce lo dirà.
Per il momento niente male.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

 

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 865 PERSONE

I commenti sono chiusi.