IL PARADISO E’ ROCK – MADDALEN’S BROTHERS (Recensione)

Negli Stati Uniti è conosciuto con il nome di ‘Christian Rock’ e rappresenta una specifica corrente musicale che identifica artisti che abbinano al loro stile una spiccata ispirazione di stampo religioso cattolico.


Un fenomeno importante, nato dall’esigenza di rinnegare l’immagine che vuole la chiesa distante dalla musica rock perché di ispirazione lasciva o demoniaca.
Oggi esploriamo il mondo dei Maddalen’s Brothers, gruppo fortemente improntato a questa filosofia.
Una compagine di 5 elementi, che suona assieme dal 2007 ma soltanto negli ultimi anni ha trovato la propria cifra con la pubblicazione di un album e alcuni singoli.

‘Il Paradiso è Rock’ è l’ultima fatica della formazione, un brano che in se definisce tutta l’essenza di questi giovani talenti.
A partire dal testo che narra la vicenda interiore di un ragazzo che ama il canto ma sente la sua voce risuonare vuota, priva di contenuto.
Ma dopo una profonda riflessione interiore trova quella potenza che cercava e colma il vuoto nella preghiera e nella diffusione del messaggio di Cristo.

Vi chiederete ora se la musica dei Maddalen’s Brothers suoni noiosa.
Credetemi non è cosi.
Questo brano è una piacevole fusione di universi sonori.
Su un tappeto rock di batteria, basso e chitarra elettrica una voce cadenzata e potente.
Si percepiscono frammenti che ricordano ‘Didn’t start the fire’ di Billy Joel o alcuni cori presenti di sovente nella discografia di Battiato.
Si annusano gli elementi di litanie tipiche delle funzioni cristiane abilmente interlacciate ai riff rockeggianti.  Sfumature dal sapore gregoriano che veicolano la parola di Gesù.

I Maddalen’s Brothers convincono, intrattengono piacevolmente, divertono con la fierezza di un’espressività che ricorda l’opera rock ed il musical.
Troviamo che questo brano come l’intera discografia del gruppo abbia ragione d’essere e rappresenti una proposta originale ed interessante.
Da ascoltare con spirito positivo, anche se non andate da tempo a messa la domenica o non vi confessate da tempo
Perché musica è vita.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 879 PERSONE

Precedente INTERVISTA a Ganoona Successivo BALLEREMO - Simon Dietzsche (Recensione)