IMAC RETINA 5K (COMPUTER DESKTOP) RECENSIONE

VOTO 75%

Il mercato del computer è in declino, lo sanno anche i bambini. Sono sempre meno le ragioni che rendono il PC uno strumento utile per l’utente medio.
Oggi i tablet e gli smartphone forniscono praticamente le stesse prestazioni, uniti ad una praticità di utilizzo impareggiabile. Parliamo quindi di una realtà con la quale dovrà fare i conti l’intera industria informatica. Apple compresa.
Dall’avvento di Steve Jobs l’azienda di Cupertino ha proposto una concezione del tutto diversa e alternativa del personal computer. Il cosiddetto ‘think different’.
Le creazioni di Cupertino sono sempre state uniche.
Portatile e Desktop PC all in One costosi ma performanti, stabili ed estremamente longevi.
Oggi, con un ottica del tutto simile, nel pieno della crisi del PC, anziché chiudersi su se stessa Apple rilancia alla grande. Con un prodotto quasi perfetto.

E’ fresco di presentazione e si chiama iMac Retina 5K, un mostro con un display da 27” molto più evoluto del comune HD e un ulteriore passo avanti rispetto ai più moderni 4K Ultra HD.

Clicca qui MI PIACE su Facebook e qui un SEGUIMI su TWITTER per Recensioniamo.
Te ne siamo grati. Davvero.
b85k-800

Tutto ciò è reso possibile da un processore dedicato, una tecnologia a led a risparmio energetico con valori di contrasto unici nel suo genere.
Un iMac concentrato sull’aspetto visuale che non dimentica i suoi tratti distintivi. Un’aspetto rastremato, le prestazioni, l’integrazione perfetta con il rinnovato sistema operativo OS Yosemite.
L’eccellenza del PC desktop, una versione che davvero non teme la concorrenza di alcun tablet.
Certo il prezzo non è alla portata di tutti, oltre 2.600 Euro.
Ma viene da chiedersi una cosa. Quanto costa davvero l’eccellenza?
Adatto ai professionisti della grafica e della fotografia, ma anche a chi pretende l’eccellenza grafica.
Una bomba.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 1044 PERSONE

Precedente X FACTOR 8 (TRASMISSIONE TV) RECENSIONE Successivo BLACK SAILS (SERIE TV) RECENSIONE