UNA NAVE IN UNA FORESTA – SUBSONICA (LP, 2014) RECENSIONE

VOTO 79%

In un’ipotetica classifica dei 10 artisti italiani più incisivi degli ultimi anni, comparirebbero certamente i Subsonica. Band torinese con una carriera ormai quasi ventennale alle spalle che propone un album ad un punto importante della propria carriera.
‘Una nave in una foresta’ è un esperimento riuscito, un lavoro di grande maturità che vuole sdoganare il Sound Subsonica nella modernità.
Se cercate la novità nella nuova fatica del gruppo piemontese, non la troverete. Ma troverete il frutto di un lavoro di produzione attento e preciso, che traspare da ogni ogni singola strofa e da ogni singolo suono.
Dovendo citare qualche brano prezioso di questo progetto, troviamo di dover dare rilevanza alla soave ‘Una nave in una foresta’, che intitola l’album. Ballata elettronica dal sound cupo, con parole di grande significato. “Ed a volte ti vedi unico, come una nave in una foresta; altre volte ti senti intrepido, come un fiore in una tempesta…”.

Di uguale valore la biblica ‘Lazzaro’, la rassicurante ‘Di Domenica’ e la sperimentale ‘Ritmo Abarth’.

subsonica1

I Subsonica dimostrano di meritare lo scettro di massimi esponenti del pop-rock elettronico italiano, essendo stati capaci nel tempo di plasmare un suono unico e riconoscibile, conquistato con un lavoro e una passione infiniti.
Oggi il gruppo di Samuel e Boosta è il frutto dell’assorbimento e la rielaborazione di generi diversi. Venature di Depeche Mode, Daft Punk, Kraftwerk ma anche del cantautorato italiano si percepiscono ma risultano comunque marginali rispetto al sound originale della band.
‘Una nave in una foresta’ è da ascoltare a lungo, scaricare, comprare, andare a vedere live nell’imminente tour.
E merita tutta la nostra ammirazione.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

 

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 765 PERSONE

Precedente UP JAWBONE (BRACCIALETTO SMART) RECENSIONE Successivo THE EQUALIZER - IL VENDICATORE (FILM, 2014) RECENSIONE