UNA NOTTE DA LEONI 3 (FILM, 2013) RECENSIONE



Recensioniamo Il Blog delle recensioni


VOTO 7,5 – Era uno dei film più attesi nell’anno, e non a caso milioni di persone in tutto il mondo
[banner type=”images”]
si sono riversate nelle sale per assistere al terzo episodio della fortunata serie ‘Una notte da
[banner size=”300X250″ type=”images”]
leoni’
.
Certo si poteva continuare a riproporre la riuscita formula dei precedenti film. Il gruppo di amici che trascorre una notte folle e si risveglia la mattina dopo senza ricordare nulla. Ma come si sa le cose ripetitive stancano. Per questo, con coraggio, si è cercata una via alternativa.
Alan, questa volta, si trova in una situazione difficile. Rifiuta di prendere gli psicofarmaci e il suo comportamento diventa sempre più bizzarro e sconclusionato. La morte del padre, poi, lo segna davvero profondamente.
Doug, Phil e Stu, gli amici di sempre, decidono di accompagnarlo presso una casa di cura, dove potrà iniziare un percorso riabilitativo. Ma ovviamente nulla va secondo i piani.
Durante il viaggio la loro automobile viene assaltata da un furgone.
I quattro vengono rapiti e condotti al cospetto del boss chiamato Marshall. Egli è stato derubato dal pazzoide criminale Leslie Chow, altro personaggio fondamentale della serie. Marshall prende in ostaggio Doug, e minaccia di ucciderlo se non riusciranno a trovare Chow con il denaro e portarglielo. Inizia così un’esilarante traversata che porta Phil, Stu e Alan, prima a Tiujana in Messico e poi nientemeno che a Las Vegas.
Il film procede veloce, sospinto dall’incontenibile comicità di Zack Galifianakis e dai divertenti siparietti con gli altri bravissimi attori Bradley Cooper ed Ed Helms.
Ken Jeong, poi, nel ruolo di Chow è una forza della natura.
Una notte da leoni 3 riesce a stimolare buonumore e fragorose risate dall’inizio alla fine. Una bella rappresentazione dell’America che non si prende sul serio, e che ci propone degli eroi maldestri che vivono avventure ai limiti del surreale.
Una notte da leoni 3 possiede quella capacità di divertire ormai rara nel cinema moderno e forse è giusto interrompere qui la saga, per non correre il pericolo di intaccarne lo splendore.
Una notte da leoni 3 è la dimostrazione che si può fare del buon cinema anche nel campo della comicità, che non è più un genere di nicchia ma può avere lo stesso riscontro di pubblico delle grandi produzioni di altro tipo.
Un’ultima raccomandazione. Non perdetevi la scena finale immediatamente successiva ai primi titoli di coda. E vedete di prepararvi il fazzoletto, perchè piangerete dalle risate.
Da vedere, da vedere, da vedere.
O almeno, questa, è la nostra opinione.

HANNO LETTO QUESTO ARTICOLO 4434 PERSONE

Precedente GLI ANNI 80 (TRASMISSIONE TV, 2013) LA RECENSIONE Successivo SAMSUNG GALAXY S4 ACTIVE (SMARTPHONE, 2013) RECENSIONE